21 giu 2010

Mozzarelle...blu !

Ecco mi sembrava un'informazione importante di questi gioni ... (fonte altroconsumo)

Mozzarella blu: nessuna informazione dalle autorità

21-06-2010
Potrebbe essere semplicemente l’inchiostro rilasciato dall’imballaggio. Oppure una reazione dovuta a un “insolito” processo di salatura. O, ancora, un microbatterio denominato “Pseudomonas”. Sulle mozzarelle che appena estratte dalla confezione si colorano di blu, nessuna informazione dettagliata è stata finora fornita dalle autorità sanitarie nazionali.

Consumatori all’oscuro

Ancora una volta un’allerta viene lanciata dalla stampa, ma nessuna informazione dettagliata viene fornita ai consumatori dalle Autorità sanitarie nazionali.

Decine di migliaia di mozzarelle sono state ritirate dagli scaffali in questi giorni, ma i consumatori non ricevono informazioni ufficiali né sulla marca della mozzarella, né sulla natura del problema.

Il ministero tace

Silenzio, dal ministero della Salute, sulla marca del prodotto. Non è la prima volta che succede. L’allarme scatta, a seguito della segnalazione nell’ambito del sistema di allerta rapido europeo (RASFF), ma mentre in altri paesi le agenzie nazionali per la sicurezza alimentare diffondono note informative ai consumatori, indicando marca e lotto del prodotto che si invita a non consumare, in Italia vige l’omertà assoluta. In queste ultime settimane si è gridato allo scandalo per la paventata soppressione dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare. Ma – si chiede Altroconsumo - a cosa serve un’Agenzia, se poi la prevenzione è lasciata ai consumatori? Intanto, mentre si attendono i risultati delle analisi dell'Istituto zooprofilattico, il rischio è che gli italiani, nel dubbio, abbandonino in toto il consumo di un alimento tipico della nostra tavola come la mozzarella.

13 giu 2010

Arrosto di maiale ripieno al radicchio

Ci tenevo a precisare che ogni ricetta che posto è stata sperimentata, e eseguita e ovviamente ben riuscita...anche se non sempre (ancora per poco) ho la possibilità di non sempre fotografare e quindi capisco che si è un po' meno invogliati a seguire o eseguire, ma con un po' di attenzione ci si riesce anche solo leggendo...Questo secondo buonissimo l'ho fatto ieri sera ed è riuscito benissimo, per di più è anche molto economico rispetto la quantità ottenuta...

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

lombo di maiale 600 gr
prosciutto crudo 100 gr
parmigiano grattugiato 50 gr
radicchio rosso, uno piccolo
aglio
rosmarino
sale pepe
spago per arrosti

PROCEDIMENTO

- fatevi preparare aperto a portafoglio il lombo di maiale dal vostro macellaio (se siete capaci voi tanto meglio, io no) non fatelo battere, in questo modo la carne è più morbida
-a casa una volta disteso (deve avere forma di rettangolo circa) pepate e salate moderatamente
-disponetevi sopra le fette di prosciutto crudo
-spolverizzate con il parmigiano grattugiato
-tagliate a striscioline il radicchio, lavatelo e asciugatelo bene
-adagiarlo per bene sopra la spolveratura di parmigiano e non abbiate paura di abbondare
- prendere il lombo dal lato più lungo e avvolgerlo non troppo stretto.
- legare per bene con lo spago da cucina
-preparare acceso il forno a 170° con un grano d'aglio e ciuffetti di rosmarino
-adagiare l'arrosto e farlo cuocere circa un'ora e mezza girando di tanto di tanto, a metà cottura irrorare con un bicchiere di vino bianco secco.

se necessario coprire gli ultimi 20 min con carta stagnola perché non imbrunisca troppo.
Ottimo sia con patate che con polenta, e ovviamente insalatina dato che è estate.

08 giu 2010

Polpettone di vitello alla rucola

Difficoltà - OOOOOO facile

Laboriosità - OOOOOO media
Costo - OOOOOO medio\basso

Tempo preparazione – 1 ora quindici circa compresa la cottura OOOOOO medio..

Nonostante non ci sia la foto, dò parola che questa ricetta è riuscita alla perfezione. Non credo che esistano ricette perfette nel senso diun'unica ricetta perfetta, ma esistono nelle loro varianti di una ricetta tradizionale varianti perfette. ecco, mi sento di dirvi che se amate il polpettone, o anche siete solo agli inizi delle sperimentazioni, potete tranquillamente senza alcuni patemi d'animo seguire questa facile ricetta.


INGREDIENTI

350 gr di vitello
150 gr di manzo
100 gr di prosciutto crudo
50 gr di mortadella
70 gr di parmigiano
1 uovo
mezzo panino secco
mezzo bicchiere di latte (o una grossa patata bollita)
2 carote
2 scalogni o una grande cipolla
1 mazzetto di rucola
pan grattato

PROCEDIMENTO


- ammollate nel latte mezzo panino secco, o due fette di pancarrè.
-tritare scalogni e carote e farle leggermente stufare in olio finché gli scalogni non saranno trasparenti 
-fare raffreddare 
-nel frattempo tritare il prosciutto e la mortadella
-macinare la carne di vitello con quella di manzo (si può fare anche tutto manzo)
-amalgamare con il parmigiano, l'uovo leggermente sbattuto con sale e pepe e lo scalogno stufato con la carota, e aggiungere il prosciutto tritato con la mortadella
-strizzare bene il pane dal lette, sbriciolatelo e aggiungere all'impasto (o nel caso preferiate schiacciate la patata bollita ancora tiepida)
- Impastare il tutto energicamente
A questo punto ci sono due possibilità per l'utilizzo della rucola nell'impasto e potete
- stendere l'impasto che risulterà abbastanza tenero a rettangolo sopra una carta stagnola, distribuirci al centro la rucola lavata, asciugata e tagliata sottile, e poi cercare di arrotolare o anche chiudere l'impasto su se stesso due volte.
- o incorporare la crucola lavata, asciugata e tagliata sottile nell'impasto totale sempre poi dando la classica forma di polpettone a cilindro

Entrambe le soluzione vanno bene, anche se è più d'efetto la prima per la simmetria, ma la seconda soluzione è più facile...

- Spargere del pan grattato (meglio se tritato con mezzo grano d'aglio) sopra e sotto il polpettone
- Accendere il forno e metterci già una tegli unta d'olio dopo 10 minuti aggiungere
- cuocere a 180 gr per circa 40 minuti. se la parte sopra scurisce un pò coprire con carta stagnola.
- se il tutto seccasse potete aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco.

-un abbinamneto ottino sono i piselli col pomodoro da aggiungere una volta cotti almeno per tre quarti
-oppure le semplici patate novelle, che suggerisco nel caso di lessare o cuocere a vapore per metà e poi aggiungere 10 minuti dopo che il  polpettone è stato infornato

03 giu 2010

Massime d'autore 2


















Il piacere della tavola è di tutte le età, di tutte le condizioni sociali, di i paesi e di tutti i giorni; può associarsi a tutti gli altri piaceri, e resta ultimo a consolarci delle loro perdita.


Brillan-Savarin, Fisiologia del gusto


Nascendo, l'uomo ha ricevuto dal suo stomaco l'ordine di mangiare tre volte al giorno, per recuperare le forze che gli tolgono il lavoro e più spesso la pigrizia.


Dumas padre, il grande dizionario di cucina


Ma lasciate che io ceni, pur così afflitto:  / niente è più cane del ventre odioso. / che costringe per forza a ricordarsi di lui / anche chi è molto oppresso e ha strazio nell'anima.


Omero, Odissea, VII, 215-219 Ulisse